Carta di Credito Carta di Debito

Meglio Carta di Credito o Carta di Debito Bancomat?

Spesso, quando si vuole aprire un conto corrente, o si vuole semplicemente decidere di avere un modo per comprare qualcosa su internet o nei negozi in maniera elettronica, arriva il momento di decidere se è il caso di prendere un bancomat, una carta di credito, oppure più semplicemente una carta di debito?

Si tratta di un dubbio a dir poco amletico, in quanto sono in pochi a sapere realmente le tre differenze tra questi tre metodi.

Carta di credito, oppure più semplicemente carta di debito? Quale conviene di più? Oppure è meglio il bancomat? Visa o MasterCard? Quale conviene di più?

In Italia siamo ancora molto indietro, mentre in altri paesi utilizzano già il Bitcoin o Paypal, noi abbiamo grandi difficoltà anche solo a distinguere la carta di debito dal bancomat… Ecco, ci siete appena cascati… Non c’è alcuna differenza tra carta di debito e bancomat, si tratta quindi di sinonimi.

Quindi, dopo aver appurato che carta di debito e bancomat sono la stessa cosa, conviene prima di tutto definire di che cosa si tratta e di cercare di capire le differenze tra carta di credito e debito (bancomat).

Carta di Credito o Carta di Debito o Bancomat Differenze Principali

La più importante differenza tra la carta di credito ed il bancomat, è che con questa prima soluzione è possibile fare acquisti, anche se non si ha alcun quantitativo di denaro nella carta, in quanto si paga il mese dopo. Sulla carta di debito invece, si può acquistare solo e soltanto se si ha i soldi sul conto. Ecco perché vengono chiamate di credito e di debito, proprio perché con la prima si acquista a credito, e con la seconda a debito.

Quindi quale delle due è meglio?

È meglio avere quindi una carta di credito, che permette di spendere molti più soldi, oppure una di debito, dove si ha più controllo e si può spendere però di meno?

Con la carta di credito i costi sono un po’ più alti, per i prelievi ci sono molto spesso le commissioni e non sempre sono incluse gratis nel conto corrente, quando invece il bancomat non ha più ormai alcun costo aggiuntivo.

Quindi, dipende dalle proprie esigenze capire se ci serve una vera e propria carta di credito, oppure se può bastare anche una di debito.

Resta il fatto, che una carta di credito non viene offerta a tutti. Raramente una banca o un servizio esterno offrire una carta di credito ad una persona che non accredita né stipendio, né pensione.

La carta di credito ha quindi molte più spese ed oneri, per non parlare dei requisiti minimi, rispetto ad una semplice carta di debito, che è senza dubbio molto più conveniente e sicuramente “invoglia a spendere di meno” e a risparmiare qualcosina in più.

Approfondisci

perdonarsi

I sensi di colpa uccidono: sapersi perdonare è la chiave della felicità

Oggi parliamo di un argomento da non sottovalutare assolutamente, perché è spesso la chiave della felicità / infelicità generale delle persone: la capacità di sapersi perdonare.

In un Mondo egoista, frenetico, privo di valori sembrerebbe impossibile, mentre invece l’incapacità di accettarsi / perdonarsi è ancora una delle cause principali di infelicità delle persone. (altro…)

Approfondisci

Alex Fodde Anti Rich Kids

Il broker anti Rich Kids che devolve i guadagni in beneficenza

Negli ultimi anni abbiamo sentito molto parlare dei Rich Kids, ovvero dei ragazzi che sono essenzialmente ricchi sin dalla nascita, e che quindi tramite social network come Instagram, Facebook etc, decidono di “mostrare” le loro ricchezze.

Negli ultimi tempi sono però anche nati dei movimenti diametralmente opposti al fenomeno dei Rich Kids. Si chiamano Anti Rich Kids, ed il paladino di questo gruppetto di persone è Alex Fodde, un broker di soli 25 anni.

(altro…)

Approfondisci

Betting exchange: guadagnare con il trading di scommesse sportive

Scommesse calcio: solo con il Betting Exchange vincono gli utenti e non i bookmakers

La stagione calcistica è già ricominciata e tra campionati italiani, campionati esteri, coppe europee e nazionali, quasi ogni giorno si trovano degli eventi interessanti su cui scommettere. Gli italiani amano effettuare scommesse per hobby e divertimento, l’importante è non farlo diventare un vizio che ci porta via tempo e soldi in maniera patologica (esclusi i pochissimi professionisti che lo fanno per lavoro).

La costante però delle scommesse sul calcio e sportive in generale è che alla fine dell’anno, a conti fatti, quasi sempre si perde e vince solo il bookmaker, che nel medio e lungo periodo può sfruttare delle quote che a livello matematico lo portano ad arricchirsi. Questo è un dato sicuro al 100%, non esisterebbero i bookmakers se la maggior parte delle persone che scommette vincesse invece di perdere.

Per ovviare a tale fenomeno da qualche anno all’Estero e da molto meno in Italia è nato il Betting Exchange: si gioca tra utenti, senza interferenze dei bookmakers (che prestano soltanto la piattaforma in cambio di una percentuale infinitesimale, solo sulle vincite e mai sulle perdite). (altro…)

Approfondisci

La lezione dei milionari

All’interno di questo breve articolo, ci occuperemo di come è possibile trarre vantaggio dalle storie dei milionari, persone che hanno fatto della propria carriera un vero e proprio successo a livello planetario. Oggi ci occuperemo di una milionaria, anzi molto probabilmente già miliardaria, si chiama Marissa Mayer, ed ha una storia molto particolare di successo, che permetterà a tutti di prendere una vera e propria “Lezione dei milionari”.

(altro…)

Approfondisci